Immagini relative a Yuri Gagarin » Best photos just for you

======= Recherche des photos inédites ======= ===================================

 Immagini relative a Yuri Gagarin

12/4/2011

LA GARA PER LO SPAZIO

 

La storia della conquista dello spazio percorre tutto il periodo della Guerra Fredda, cioè dalla fine della II Guerra Mondiale (Agosto 1945) fino alla caduta del muro di Berlino (Novembre 1989). In questo lasso di tempo, il blocco Occidentale a leadership U.S.A. e quello Orientale guidato dall'URSS gareggiarono fra loro per guadagnare sfere di influenza sul resto del pianeta. In particolare, l'astronautica fu vista in un'ottica di prestigio come il miglior modo per propagandare i propri risultati in campo scientifico e tecnologico. Miliardi di dollari furono spesi da entrambe le superpotenze per sviluppare la ricerca aereospaziale: questa gara, che fu chiamata "la gara per lo spazio", porterà un incredibile sviluppo nel campo dei razzi spaziali e dei satelliti artificiali.

Oggi, che per fortuna di tutta l'Umanità la Guerra Fredda è ormai alle spalle, un astrofisico o un ingegnere aereospaziale può ben lamentarsi: "si stava meglio quando si stava peggio!" Infatti, non essendovi più la necessità per una Superpotenza di superare l'altra in prestigio, i fondi per le scienze atsronautiche si sono ampiamente ridotti! Ma adesso, diamo un'occhiata ai principali traguardi ottenuti nel campo dei satelliti.

 

Lo Sputnik, il primo satellite lanciato dall'uomo

Il 4 ottobre 1957 è una data storica per la civiltà: fu il giorno in cui i Russi (a quel tempo Sovietici) lanciarono in orbita il primo satellite artificiale, lo Sputnik 1. Esso era un oggetto semplicissimo: una sfera pressurizzata di alluminio di 58 cm di raggio da cui fuoriuscivano 4 antenne lunghe circa 2,5 metri. Il satellite fu posto su di un'orbita fortemente ellittica (950 km il suo apogeo , 230 km il suo perigeo) che compiva ogni 96 minuti.

Il satellite rimase in orbita per circa 21 giorni per poi bruciare quando, a causa dell'attrito con l'atmosfera terrestre, la sua orbita si abbassò fino a fargli incontrare gli strati più densi dell'aria.

La notizia del volo dello Sputnik ebbe una grandissima eco in tutto il mondo: era la prima volta che si riusciva a concretizzare il sogno dell'uomo di volare nello spazio.

 

Il primo essere vivente a solcare gli spazi: la cagnetta Laika

Laika è uno dei nomi con cui è nota la cagnetta che il 3 novembre 1957 lasciò la Terra a bordo della capsula spaziale sovietica Sputnik 2. La missione era orientata ad analizzare gli effetti che il volo spaziale poteva provocare su un essere vivente per poter progettare al meglio il volo umano. La capsula Sputnik 2 era attrezzata per il supporto vitale e portava cibo ed acqua ma non prevedeva il rientro, quindi la sorte di Laika era segnata fin dall'inizio della missione. La capsula era inoltre attrezzata con sensori tali da permettere il monitoraggio dei segnali vitali del passeggero come pressione sanguigna, battiti cardiaci e frequenza del respiro.

Secondo alcune Laika morì poche ore dopo l'entrata in orbita mentre altre stimano che Laika sopravvisse per circa dieci giorni (ipotesi inverosimile poiché le batterie che alimentavano i sistemi dello Sputnik 2 si esaurirono dopo circa sei giorni). Lo Sputnik 2 proseguì il suo viaggio compiendo oltre duemila orbite per poi bruciare il 14 aprile 1958 al rientro nell'atmosfera terrestre.

 

Yuri Gagarin, Eroe dell'Unione Sovietica

Yuri Gagarin

Dopo un addestramento durato parecchi mesi l'allora maggiore Jurij Gagarin, il 12 aprile 1961alle ore 9.07 di Mosca, all'interno della navicellaVostok 1 (Oriente 1) del peso di 4,7 tonnellate, parte per il volo spaziale. Compie un'intera orbita ellittica attorno alla Terra, raggiungendo una massima distanza (apogeo) di 302 km e una minima (perigeo) di 175 km, viaggiando a una velocità di 27.400 km/ora.

Durante il volo, guardando dalla navicella ciò che nessuno aveva mai visto prima, comunica alla base che "la Terra è blu… è bellissima". Dopo 88 minuti di volo intorno al nostro pianeta, senza avere il controllo della navicella spaziale, guidato da un computer controllato dalla base, la capsula frena la sua corsa accendendo i retrorazzi, in modo da consentire il rientro nell'atmosfera terrestre. Gagarin viene espulso dall'abitacolo e paracadutato a terra. Il volo termina alle 10.20 ora di Mosca, in un campo vicino alla città di Takhtarova.

Migliaia di russi lo attendono al suo ritorno e la sua impresa ha una grande eco in tutto il mondo. Gagarin dimostra che l'uomo era in grado di volare oltre le previsioni, diventando a soli 27 anni il primo uomo della storia a orbitare intorno alla Terra e a osservarla dallo spazio. Venne decorato da Nikita Khrušciov (il premier sovietico di allora) con l'Ordine di Lenin, la più grande onorificenza russa, diventando Eroe dell'Unione Sovietica.

Valentina Tereshkova

In seguito Gagarin collabora alla preparazione di altre missioni spaziali, come quella della Vostok 6, che porta Valentina Tereshkova nello spazio, prima donna in assoluto a compiere una tale missione. Inoltre, collabora allo sviluppo della nuova navicella spaziale Sojuz.

Un monumento di Jurij Gagarin è stato eretto a Mosca nel 1980.

 

Category : reserved to connected users | Write a comment | Print

Comments